I pensieri di Robyb. (2)

23 novembre, 2009 alle 5:53 pm | Pubblicato su Uncategorized | 3 commenti

“Peggio del grigio di Milano ci può essere solo lavorare in un grigio ufficio di una grigia agenzia di Milano.”
(Robyb)

White dust in the cast(a).

10 novembre, 2009 alle 5:51 pm | Pubblicato su Uncategorized | Lascia un commento

Immagine 3

Leggo con stupore che è arrivata la legge sul test antidroga per i parlamentari. All’inizio rimango sorpreso, un colpo forte, come se avessi fatto una tirata di un cannone particolarmente potente. Poi, schiariti i fumi inebrianti che una simile notizia può suscitare dalla mia mente, ho letto con più attenzione.

Ed ecco l’inghippo:
volontariamente.

È chiaro il concetto?
Un parlamentare che abitualmente fa uso di droga – e a quanto pare in tutta Europa è un’attività abbastanza comune in questa professione, in Italia si veda il famoso servizio delle Iene – dovrebbe volontariamente sottoporsi al test, di sua spontanea iniziativa.

Ma quando la finirete di prenderci per il culo?

Mah… leggo ancora che nella mia Regione tra qualche mese si terranno le elezioni. Ho deciso che ancora una volta, di mia spontanea iniziativa, diserterò volontariamente la cabina elettorale.

My prozac.

30 ottobre, 2009 alle 3:40 pm | Pubblicato su Uncategorized | Lascia un commento

L’uomo di questo filmato è il mio prozac personale. Quando al lavoro sono depresso metto le cuffie e faccio partire qualche filmato preso da una sua trasmissione televisiva, tra una canzone e l’altra.

Mi è simpatico, non fraintendete. Leggendo il mio blog, se conoscete la Pino Scotto philosophy, non vi sorprenderete nello scoprire che abbiamo più o meno le stesse opinioni.

Ascoltando molti suoi filmati spesso mi ritrovo a ridere come un pazzo.Perché è sin troppo “verace e sincero”. Questo filmato è il migliore, sintetizza tutto perfettamente.

Alcune cose poi sono delle vere e proprie perle di coerenza:
Vasco Rossi in sottofondo, e lui che spesso lo denigra (non in questo filmato).
E al minuto 1:42 una frase: “certe cose in televisione non si possono dire”, dopo aver bestemmiato e detto di tutto.

Io mi domando come abbia fatto a digerire il panino mangiato a pranzo.
Forse è quello che un ragazzo gli ha tirato in testa la sera del concerto degli Ac/Dc il 19 marzo (non ridete, vi giuro che è vero. Mi è stato riferito da più di una persona. In comune abbiamo anche quel concerto, anche se io ho assistito a quello di sabato 21. Complimenti alla mira di quel ragazzo).

Un mito. Un paio di volte ho visto i concerti dei Diumvana (non mi piacquero, non amo il metal), ma questo è meglio che non si sappia altrimenti finirei anche io tra gli insultati.

Che dire… vai jack!

Volevo dedicare.

29 ottobre, 2009 alle 11:02 am | Pubblicato su musica, Uncategorized | Lascia un commento

Anche questo è un messaggio a chi so io. Non tentate di capire, sarebbe solo tempo perso. Al massimo ascoltatela, perché questa è veramente una bella canzone. Thin Lizzy, oh yeah!

21/10/2009

22 ottobre, 2009 alle 11:33 am | Pubblicato su Uncategorized | Lascia un commento

Immagine 1

E vendetta fu.

Olé!

Innovation.

20 ottobre, 2009 alle 4:25 pm | Pubblicato su Uncategorized | Lascia un commento

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/tecnologia/2009/10/18/visualizza_new.html_988544338.html

Un basso che non ha ancora capito che qua il problema non è la larghezza. Un mega è già buono. Il problema è che l’Italia è da terzo mondo in Internet. Non si spiegherebbe altrimenti il fatto che io nel mio paesino non possa usufruire dell’adsl, causa abuso di potere di una nota azienda di telecomunicazioni.

Oppure il fatto che il wireless sia inesistente.

Insomma: un liberista che sostiene certe cose, messo a capo del ministero per l’innovazione.

Ho viaggiato un bel po’ e pure in Albania, dove sono stato pochi mesi fa in uno dei miei viaggi, e il wireless free era presente nelle maggiori città (sì, sono stato anche lì, alla faccia di tutti gli stupidi pregiudizi che si possono avere). In Italia viene considerata innovazione tecnologica ciò che in altre realtà è quotidianità.

Mah…

Sentences.

7 ottobre, 2009 alle 1:23 pm | Pubblicato su Uncategorized | Lascia un commento

– Non ci sono più le mezze stagioni.
– I giovani non sono più quelli di una volta.
– Si stava meglio quando si stava peggio.
– La speranza è l’ultima a morire.
– Non c’è più religione.

Post ingombrante.

22 settembre, 2009 alle 2:02 pm | Pubblicato su Uncategorized | Lascia un commento

Mi sono accorto che collegandomi al blog l’ultimo post della prima pagina ha la foto di un bugiardo con la sua nuova camiseta blanca. Questo post ha il solo scopo di mandarlo di là, tra i post più vecchi. Di farlo cadere nel dimenticatoio, affinché io non lo possa più vedere.

Under depression.

21 settembre, 2009 alle 5:35 pm | Pubblicato su Uncategorized | 1 commento

Il Sig. Rossi sostiene di essere depresso. “Un miracolo che io sia vivo”.
Il Sig. Robyb risponde: “Per me sei già morto da un pezzo. Da dopo “Canzoni per me” quando le tue canzoni hanno iniziato ad avere testi stupidi, scadenti e ripetitivi. E le musiche sono diventate elettroniche e penose. La depressione l’hai data tu a me quando dopo il bellissimo concerto di Imola 98, l’ultimo con Massimo Riva a cui diedi la mia presenza, mi ritrovai a Torino l’anno dopo in mezzo a ragazzini di 16 anni e ragazzine di 17 con i cuoricini in mano. Quella fu depressione. E divenne una saggia decisione: far morire il mio ascolto della tua musica, ormai banale”.
Morte anche alla sincerità perché vorrei capire come mai si sta zitti per mesi e poi si esce con frasi ad effetto per far parlare di sé proprio a ridosso di un nuovo tour. Casualmente.
Condoglianze.

Esperienze.

18 settembre, 2009 alle 11:01 am | Pubblicato su Uncategorized | 1 commento

 

 

La settimana scorsa ero in viaggio, da solo. Sfondavo il confine UE in compagnia di due contrabbandieri (giuro che è vero). Avevo bisogno di viaggiare. Avevo bisogno di nuove avventure, e sono stato fortunato.
Viaggiare è la miglior medicina, insieme alla musica. Sono gli unici due beni in grado di soddisfare ogni tipo di bisogno.
Ora una domanda viaggia in continuo loop nella mia mente:
ma cosa cazzo ci sto a fare qui?

Pagina successiva »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.